Simple Training Timer: un timer sportivo in Qt5

Simple Training Timer on Android
Simple Training Timer on Android
Simple Training Timer running on Android on a Samsung Galaxy Note 3 and on a Samsung Galaxy S2

In questa pagina potete seguire l’evolversi di un semplice progetto realizzato in Qt5 il cui codice è reso publico su GitHub.
Si tratta di un semplice Timer che permette di impostare allenamenti ripetitivi.
Il concetto è semplice:

  • Si imposta la durata del singolo esercizio
  • Si imposta la durata della pausa tra le ripetizioni dell’esercizio
  • Si imposta il numero delle ripetizioni di ogni serie
  • Si imposta la durata del tempo di riposo tra le serie di ripetizioni
  • Si imposta il numero di serie da eseguire
  • Si da il via al Timer
  • Si suda senza preoccuparsi di guardare continuamente l’orologio, aiutati dalle sequenze sonore che scandiscono il tempo

Sarà così facile ad esempio impostare 5 ripetute esercizi di addominali della durata di un minuto, con una pausa di 30 secondi tra ogni ripetuta, il tutto replicato 5 volte con un riposo di 2 minuti tra una serie e l’altra 🙂

Il programma è realizzato con un occhio di riguardo verso Android (sarà pubblicato gratuitamente sul Play Store), ma essendo realizzato in Qt5 sarà semplice compilarlo anche per sistemi Desktop e iOS.

Per scaricare il codice del progetto potete fare un “Fork” da GitHub. Naturalmente potete modificarlo come volete e propormi le vostre modifiche che potranno essere pubblicate su Play Store nel momento in cui le riterrò interessanti e utili, con una citazione pubblica all’autore della modifica.

21 Marzo 2014 – La prima release dell’applicazione è stata pubblicata su Google Play

Get it on Google Play

Cronologia dei “commit” su GitHub

3 Responses

  1. 19/01/2014

    […] Simple Training Timer: un timer sportivo in Qt5 […]

  2. 26/01/2014

    […] Simple Training Timer: un timer sportivo in Qt5 […]

  3. 21/03/2014

    […] Simple Training Timer: un timer sportivo in Qt5 […]

Lascia un Commento

This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.
%d bloggers like this: